Ho affidato gran parte delle mie vite al silenzioso vociare di treni. In tutte le stazioni ne ho trovate di nuove ma la maggior parte ancora mi è ignota. Ho perduto lo sguardo ogni volta per poi per caso ritrovarlo in qualche sprizzante buco del quotidiano. Alla fine solo quel treno sa chi sono. ( Gabriele Dazzi )